sabato 9 luglio 2016

TRADUTTORI: CORRADO PASTORE

Abbiamo il piacere di condividere con Voi, l'intervista che il traduttore Corrado Pastore ha rilasciato alla nostra Shanmei.

Benvenuto Corrado, parlaci di te, raccontaci il tuo percorso di studi.

Ciao! Grazie :) Ho 30 anni e nel 2012 mi sono laureato in Lingue per la Comunicazione Internazionale presso l'Università di Torino. Le lingue che ho scelto sono il cinese e lo spagnolo. Dopo un anno e mezzo di lavoro come impiegato in un'azienda torinese dove svolgevo traduzioni dallo spagnolo, ho deciso di aprire una Partita IVA e diventare traduttore freelance. Svolgo traduzioni dal cinese, dallo spagnolo e dall'inglese. 

Come è nato il tuo amore per la traduzione? Come è iniziato il tuo lavoro di traduttore? Quale è stato il primo testo che hai tradotto?
 
Le mie prime traduzioni risalgono al periodo universitario con la traduzione di vari testi per la mia tesi sul Patrimonio UNESCO in Italia e Cina.  

Hai fatto traduzioni per Case Editrici, Agenzie di marketing o pubblicità?
 
No, nel campo letterario ho svolto traduzioni su Babelcube.com. 

Sappiamo che traduci autori stranieri che poi si auto-pubblicano in italiano. Come è nata questa idea? Quali opere hai tradotto fino ad oggi? E perché le hai scelte?

La mia passione per la traduzione letteraria (nel mio caso, dallo spagnolo all'italiano) è nata durante un corso universitario del terzo anno, durante il quale ho potuto sperimentare la traduzione di vari testi, fra cui uno di Carlos Ruíz Zafón. Su Babelcube, ho scelto i testi da tradurre in base al mio interesse personale. 

Hai riscontrato difficoltà nel far accettare agli autori questo nuovo modo di pubblicarsi in paesi stranieri o ne avevano già sentito parlare?

No, anzi, essendo loro iscritti a Babelcube avevano già famigliarità con questo tipo di pubblicazioni.
 
Se questo tipo di pubblicazione diventasse sempre più diffuso, pensi che gli Editori non avrebbero più ragione di esistere o rimarrebbe solo una pubblicazione alternativa?

Sono convinto che questo tipo di pubblicazione possa coesistere con quello già esistente senza problemi perché i titoli così pubblicati non vengono sottratti ai canali tradizionali. Semplicemente, se non ci fosse il sistema dell'autopubblicazione, rimarrebbero titoli non pubblicati. In conclusione, credo che questo sistema arricchisca il panorama letterario di nuovi titoli e dia voce ad autori che altrimenti non riuscirebbero a emergere.

Quanto tempo serve per portare a termine la traduzione di un romanzo?
 
Ovviamente dipende dal numero di parole del testo di partenza ma io cerco sempre di proporre tempi molto lunghi agli autori, in modo da svolgere un lavoro più accurato. 

Tradurre è il tuo lavoro principale, o fai altre attività?
 
No, al momento non è la mia attività principale ma vorrei che presto la traduzione diventasse il mio mestiere.
 
Preferisci una traduzione più letterale o creativa? O un mix delle due a seconda dei casi?
 
Per la traduzione dei romanzi cerco di attenermi alle regole imparate durante i  corsi universitari, in sintesi cerco di mantenere inalterato, ove possibile, il lessico utilizzato dall'autore e cerco di adattare al meglio le espressioni idiomatiche e i riferimenti culturali. 

Esistono penali in caso di mancata consegna del lavoro nei tempi stabiliti? Ti è mai successo di incorrervi?
 
Nella mia breve esperienza non sono ancora incappato (fortunatamente) in situazioni simili. 

E veniamo al tasto più dolente, i pagamenti. Come ti tuteli dai committenti morosi?
 
Finora ho sempre ricevuto i pagamenti entro i termini stabiliti, probabilmente sono stato molto fortunato. Ho un conto PayPal e chiedo di utilizzare quello per ricevere i pagamenti. 

Hai mai vinto premi dedicati a i traduttori?
 
Non ho mai partecipato a concorsi per traduttori.

Quale è l’ultimo libro che hai tradotto? Che difficoltà hai riscontrato?
 
L'ultimo libro che ho tradotto è un romanzo che lo stesso autore definisce a metà fra una biografia e un romanzo storico sulla vita di Evita Perón. La traduzione ha presentato parecchi problemi dal punto di vista lessicale, l'autore infatti aveva svolto un lavoro di ricerca sul lessico argentino di quegli anni e non sempre i termini sono in uso ancora oggi. Devo però dire che mi sono divertito molto a svolgere questo lavoro. 

Quale è il momento più bello per un traduttore?
 
Credo che ogni traduttore abbia il suo momento preferito ma posso rispondere con il mio momento preferito. Quando trovo un'espressione idiomatica (in spagnolo nel mio caso) che si discosta completamente dall'italiano e devo cercare una corrispondenza italiana. Ecco, per me questo è il momento migliore della traduzione perché si deve cercare un collegamento fra la lingua di partenza e la lingua di arrivo senza però tralasciare il contesto. 

Raccontaci un aneddoto, bizzarro, incredibile legato al tuo lavoro?
 
Quest'aneddoto è legato al romanzo storico-biografico di cui parlavo poco fa. A un certo punto del romanzo, uno dei personaggi faceva una lunga riflessione sul popolo argentino e sul carattere orgoglioso dell'argentino medio, che deve sempre avere ragione in ogni discussione. E concludeva il lungo monologo interiore dicendo che quella era la filosofia Quilmes. E qui è sorto un problema culturale: la Quilmes è una famosa marca di birra argentina che da decenni promuove la sua birra con spot che esaltano la nazione argentina e l'orgoglio patriottico. Qui ho dovuto fare una nota per spiegare cos'è la Quilmes al pubblico italiano. Per concludere, il fatto divertente è che ho passato almeno due ore su Youtube a vedere spot, vecchi e nuovi, della Quilmes per avere un'idea chiara di cosa fosse la "cultura Quilmes". 

Quale consiglio daresti ad una persona che vorrebbe intraprendere il lavoro di traduttore?
 
Il mio consiglio è quello di seguire dei corsi di traduzione all'università o in una scuola di specializzazione. Poi, riciclando il consiglio di una mia professoressa di Traduzione: "Leggere, leggere tanto e di tutto purché sia in un buon italiano." 

Quali sono i tuoi progetti futuri?

A breve vorrei tradurre un racconto di Alessandra Cesana, autrice spagnola per cui ho già tradotto due libri (Una nuova vita e Giochi di società) tramite Babelcube.  

Romanzo storico. Vita di Eva Perón. Sequestro e omicidio del generale Aramburu per mano dei montoneros. L'entusiasmo per Evita. Rivoluzione Peronista. Juan D. Perón. Le “cabecitas negras”. L'odio dei paquetes argentini (i ricchi) nei confronti dei grasas (i poveri) e del Peronismo. Colpi di Stato in Argentina.







Dopo un lutto improvviso Alice Legan, sentendosi sola di fronte a un futuro incerto, decide di dare una svolta alla propria vita. Il destino ha in serbo per lei un lavoro che la fa sognare e che la porta nella bellissima Parigi, dove dovrà assistere la giovane e ricca ereditiera Lady Katherine Westfield che trascorre lì l'estate. Le due ragazze diventano amiche e si prevedono giorni tranquilli. Ma un evento misterioso trasformerà questa tranquillità in angoscia e turbamento. Entrerà in scena l'ispettore Pascal Lambert e le sue indagini lo porteranno a far luce su un incredibile segreto della famiglia di Lady Katherine. 


I Paige sono una coppia statunitense che vive in Provenza. Vanno a Parigi, dove vivono Alexia, la loro figlia impertinente, i Dunckan e la seducente Lhéa Mavelle, proprietaria di un casinò. Lì incontrano l'affascinante e cinico giocatore Jake Wynner e vivranno intense emozioni fra inganni, tradimenti e ricatti che mineranno le loro relazioni.

Con questo nuovo romanzo, la scrittrice Alessandra Cesana ci porta nel mondo dell'alta società, fra situazioni poco chiare che la rendono ancora più interessante. Il suo totale cambiamento di stile risulta originale e moderno oltre che sorprendente e interessante.

Nessun commento:

Posta un commento